Il Passo San Pellegrino, situato ad una decina di chilometri da Moena, collega la provincia di Trento con quella di Belluno, fungendo così da confine naturale tra il Trentino e il Veneto. L’escursione inizia in località Costabella, in prossimità dell’omonima seggiovia situata poco prima del Passo. Il numero di riferimento è il 604, sentiero che vi condurrà al Rifugio Passo Le Selle in poco più di 2 ore di cammino.

Zaino in spalla, si riparte! Il sentiero prosegue lungo la pista da sci verso la stazione a monte della seggiovia Costabella (2282mt circa), tappa intermedia tra il nostro punto di partenza e il Rifugio Passo Le Selle. Grazie all’impianto di risalita, è inoltre possibile bypassare la prima parte di escursione arrivando direttamente all’imbocco del sentiero che porterà al rifugio. L’ultima parte del percorso è caratterizzata da una stradina abbastanza stretta e ripida che si avvicina gradualmente all’ultima salita che precede la tappa finale.”

Prendetevi del tempo per ammirare il panorama mozzafiato alle vostre spalle e il verde che vi circonda. La zona del Passo San Pellegrino, all’epoca della Prima Guerra Mondiale fu territorio di confine tra fronte Italiano e fronte Austriaco e le creste che lo circondano furono teatro di durissimi scontri. Non solo natura quindi, ma anche un profondo legame con la storia del nostro Paese. Dopo circa 45 minuti di cammino eccoci arrivati in vetta!\n\nIl Rifugio Passo Le Selle si trova a circa 2530mt di altezza ed è situato tra la Val Monzoni e la Valle di San Pellegrino. Dopo una bella scarpinata il pranzo sarà più che meritato e ci si sentirà sicuramente meno in colpa a concedersi anche un buon dolce fatto in casa!

Per gli escursionisti più esperti c’è la possibilità di proseguire la gita lungo il sentiero 637 che porterà all’attacco della Ferrata “Bepi Zac”. Ricca di passaggi storici e testimonianze della Prima Guerra Mondiale, questa ferrata richiede l’utilizzo di attrezzatura adeguata.

La strada di rientro verso il Passo San Pellegrino è la stessa dell’andata e questa volta sarà ovviamente tutta in discesa. In meno di 2 ore arriverete al parcheggio. L’escursione è di media difficoltà ed è consigliato l’utilizzo di scarponcini da montagna. Come consiglio personale ci teniamo a suggerire l’utilizzo dei bastoncini soprattutto per l’ultima parte del percorso, vi aiuteranno sicuramente a fare un po’ meno fatica e vi daranno più stabilità ☺