Si chiama Daniele Venegoni e da circa 4 anni ha collezionato gli moltissimi scatti per realizzare un grande sogno: un reportage fotografico sulle Dolomiti.

“Questo progetto è nato dall’unione di due mie passioni, l’amore per la montagna ( in particolar modo le Dolomiti) e il grande interesse per la fotografia” racconta Daniele. “Nei miei scatti ho cercato di fotografare i principali luoghi dolomitici del Trentino Alto Adige e Veneto, cercando di cogliere le diverse sfumature di colore che la natura ci dona generosamente nelle quattro differenti stagioni. Il reportage ha il desiderio di sensibilizzare e porre attenzione riguardo al pressante e delicato tema della salvaguardia del territorio dolomitico. Dal 2009, anno in cui la catena dolomitica fu inserita per la prima volta nella lista del Patrimonio mondiale, è iniziata una costante e inarrestabile crescita di immagine con il conseguente aumento del turismo di massa e dello sfruttamento intensivo del territorio. La montagna andrebbe amata, rispettata, accudita e salvaguardata come se fosse parte del nostro essere.La cultura consumistica sempre più incontrollata e irresponsabile sta portando ad una carenza di rispetto, basti leggere alcuni fatti di cronaca degli ultimi anni.Occorrerebbe sostenere e incentivare iniziative di sensibilizzazione ed educazione, per dare vita a un turismo di qualità che consideri le Dolomiti non più come puro luogo di divertimento, ma anche come luogo di rigenerazione, studio, ricerca e protezione, per uno sviluppo più sostenibile del territorio dolomitico.”

Le montagne sono sempre generose. Mi regalano albe e tramonti irripetibili; il silenzio è rotto solo dai suoni della natura che lo rendono ancora più vivo.

Tiziano Terzani