SanBrite: la storia dell’agricucina di Cortina d’Ampezzo

? Cortina d’Ampezzo, BL

Per raccontarvi questa storia dal sapore unico e inconfondibile, ci trasferiamo nei boschi di Cortina d’Ampezzo, più precisamente in un luogo che tra malga, allevamento di capre e vacche, caseificio, agriturismo con cucina tipica e ristorante stellato, ha un’atmosfera magica attorno a sé: il Brite.

A 1600 metri, il Brite nel suo complesso è la vera e propria espressione del lavoro, di un fortissimo legame con la terra, e di una chiara visione del futuro. Quello su cui ci focalizzeremo oggi, tra tutte le attività che offre il Brite, è il ristorante stellato Michelin che tanto ci piace per il menù, per la presentazione dei loro piatti, per il forte legame con il territorio con un occhio sempre attento al futuro: il SanBrite. Personalmente quando pensiamo a questo luogo pensiamo ad un forte legame con il territorio e con le materie prime locali, mixate a un forte senso di innovazione e sperimentazione.

“L’idea nasce dal contesto.” ci raccontano Ludovica e Riccardo. “Se vivi nutrendoti di eccellenza, pensiamo che sia un dovere restituire con altrettanta eccellenza. Ogni giorno pensiamo e creiamo mettendoci in “competizione” con la natura, una competizione positiva. Lo facciamo credendo nel valore di ciò che respiriamo, lo facciamo credendo nell’importanza di proteggere la terra e i suoi prodotti e lo facciamo nell’ottica di un’eredità che vogliamo lasciare del nostro passaggio.

Ci piace pensare che non basti la passione per farlo e quindi ogni giorno misuriamo le nostre competenze e quelle dei nostri collaboratori per poterci migliorare come singoli e come squadra. Niente può essere creato se si resta fermi o soli.”

Il team del SanBrite - Ph. @passogiaupercolazione
Il team del SanBrite – Ph. @passogiaupercolazione

Le esperienze lavorative e personali che hanno vissuto Ludovica e Riccardo prima del SanBrite hanno sicuramente contribuito a rendere questo luogo ancora più magico.

“Siamo il frutto di un costante aggiornamento delle nostre competenze, di ogni passaggio della nostre vite. Che siano lavorative – come per Riccardo aver lavorato dallo chef Massimo Bottura -, ma anche personali – come per Ludovica che sceglie di cambiare vita, sceglie di rimettersi in gioco e lo fa partendo da zero, in un mondo nuovo ma che la attirava a sé. Ma lo è stato anche diventare genitori, perché quel senso di responsabilità nei confronti della Terra si è trasformato in dovere nei confronti delle nostre figlie, che questo mondo lo ricevono dalle nostre mani. E nessuno vuole fare un regalo brutto alle proprie figlie.”

Ludovica e Riccardo – Foto di: Lenny Pellico @lennypellico

Il SanBrite e il forte legame con il territorio

Raccontando queste storie di vita sulle Dolomiti, noi di Dolomiti da sogno abbiamo cercato delle realtà interessanti, particolari, che avessero un forte legame con il territorio, e proprio qui abbiamo trovato un gruppo di persone che del legame con in territorio ne hanno fatto una filosofia di vita.

“Ogni scelta che facciamo e ogni proposta che facciamo è frutto di questa promessa che abbiamo fatto con le nostre Montagne.”

Il SanBrite è conosciuto in particolare per gli spaghetti al mugo, che resta il piatto più richiesto, ma dietro ogni proposta e ogni portata c’è sempre un elemento che a loro piace e che li lega fortemente con il territorio. Quello che però non si racconta spesso è che ogni piatto esce dalla cucina e viene servito al tavolo dei loro ospiti, ma la vera magia è che quello stesso piatto esce dal ristorante e rimarrà per sempre nella memoria degli ospiti.

“Ognuno si porta via ciò che vuole delle Dolomiti: chi mangia da noi ci racconta di come un piatto, un profumo o un sapore siano legati a una camminata fatta, una cascata assapora o un tramonto visto. E questo ci emoziona e ci rende orgogliosi.”

Spaghetti al Pino Mugo del SanBrite - Ph. @giorgistefi
Spaghetti al Pino Mugo del SanBrite – Ph. Stefania Giorgi @giorgistefi
Il SanBrite e il suo spaghetto al Pino Mugo – Illustrato da Marabì Illustration

Il 2022 del SanBrite

Il SanBrite affronterà questo 2022 con una stella rossa e una stella verde riconosciute dalla Guida Michelin.

La stella rossa è arrivata in un momento in cui, probabilmente, ci “serviva” per una sorta di orgoglio personale, come a dirci: bravi continuate cosi.” ci raccontano Ludovica e Riccardo. “Ma la stella verde è il nostro fiore all’occhiello. Perché la stella verde non è un premio solo a noi come ristorante, ma a tutta l’azienda che è composta dai pascoli, dai boschi, dal caseificio e da ogni collaboratore. La stella verde è il premio alla nostra cucina rigenerativa che tocca ogni elemento di questo puzzle.

Non sappiamo se la cucina rigenerativa diventerà la cucina del futuro, perché ancora si parla solo di Agricoltura rigenerativa, ma sappiamo per certo che dovrebbe diventarlo. Se abbiamo passato tanti anni a parlare di sostenibilità, di eco e bio allora dobbiamo tutti impegnarci a fare in modo che niente venga sprecato, niente venga deturpato, niente venga mangiato a occhi chiusi senza essere assaporato.”

Foto del SanBrite e dei loro piatti a cura di Giuseppe Ghedina @giuseppe.ghedina

Dovete anche sapere che Ludovica e Riccardo sono gli ideatori di “Genesis”, definita come una vera propria immersione sensoriale, per rivivere esperienze culinarie ancestrali, per risintonizzarsi con gli elementi della natura e vivere un’esperienza unica.

“Partiamo dalla fine e poi torniamo indietro. Sì, ci sarà un Genesis 2022, siamo già a lavoro e questo perché la prima edizione è stata dirompente. Lo è stata per noi che mai avremmo immaginato che sarebbe stato come è stato. E ci sarà una seconda/terza/quarta edizione, perché quando abbiamo pensato a Genesis avevamo come obiettivo quello di condividere quello che abbiamo imparato noi in questi anni. Ma abbiamo imparato tante cose e continuiamo a impararne quindi smetteremo di organizzare Genesis solo quando avremmo smesso di imparare qualcosa dalla Natura. Per cui, a occhio e croce, non smetteremo mai!”

Non ci resta che vi invitarvi a scoprire la magia che questi ragazzi hanno creato e coltivano ogni giorno nei boschi sopra Cortina. Li trovate nella Località Alverà, lungo la strada che porta al Passo Tre Croci, e li potete seguire sui loro canali social e sul sito www.sanbrite.it per rimanere aggiornati su tutte le novità e le loro iniziative.

SanBrite - Ph. @giuseppe.ghedina
SanBrite – Ph. Giuseppe Ghedina @giuseppe.ghedina